Dal 19 al 24 Settembre è andata in scena la settimana della moda di Milano. In passerella(e non solo)abbiamo visionato e amato le tendenze donna che la faranno da padrone la prossima primavera-estate.

Dopo le critiche negative riguardanti le Fashion Week di New York prima, in cui la proposta collettiva è stata alquanto piatta e inconsistente, e quella di Londra dopo, dove l’attesissimo debutto di Riccardo Tisci come direttore creativo di Burberry non ha soddisfatto le aspettative, la Milan fashion Week ha portato un’ondata di positività, superando ogni attesa e convincendo anche i più scettici. La Kermesse meneghina ha dato vita a 60 sfilate, 80 presentazioni, nonché eventi di ogni genere che hanno entusiasmato e messo d’accordo star, influencer, stampa e addetti ai lavori.

Tante novità in passerella, una fra tutte il debutto di Fila ma anche grandi assenze. La più importante sicuramente è quella di Gucci, il cui direttore creativo Alessandro Michele ha sfilato a Parigi durante la settimana della moda parigina, dopo la presentazione della sua linea Cruise ad Arles e la campagna ispirata alle proteste parigine del ’68. Un omaggio alla Francia quasi doveroso.
Assenti anche altri importanti marchi dell’industria della moda italiana, come Trussardi che non ha sfilato e Bottega Veneta, il cui nuovo art director Daniel Lee debutterà ufficialmente alle sfilate dell’autunno-inverno 2019. Emilio Pucci, orfano attualmente di direttore creativo, sceglie una presentazione per mostrare la collezione.

Anche quest’anno si conferma trend irrinunciabile per molti stilisti il Co-ed 

 Il termine indica lo show in cui sfila sia la collezione donna che la collezione uomo della stessa maison. A Milano 11 collezioni sono state presentate in co-ed: Ferragamo, Tod’s, Moncler, GCDS, Antonio Marras, Fila, Nakashima, Tiziano Guardini, Byblos, Missoni e Emporio Armani.
 

 
Quest’ultimo fashion show merita una menzione particolare.
Uno spettacolo senza precedenti, scenograficamente parlando: prima sfilata a tenersi nell’hangar di un aeroporto e un pubblico più numeroso del solito, fatto da 2300 persone tra giornalisti, buyer, esperti di moda e del settore, influencer e gente comune che ha vinto il biglietto con un’estrazione a sorte.
Lo slogan della sfilata era Emporio Armani Boarding e si è conclusa con un concerto a sorpresa di Robbie Williams.
 
 
 Filo conduttore della Milan fashion week la semplicità. La donna si riappropria di una eleganza naturale e una femminilità quasi perduta dopo l’impronta neon e sfrontata delle collezioni nelle ultime stagioni.
Capelli sciolti, make-up appena accennato per una alice il cui paese delle meraviglie è la strada. Trasparenze, pizzi, uncinetto, crochet, ricami delicati in tinte unite e nelle declinazioni delle nuances classiche: dal bianco al nero, passando per i colori pastello. 

                                                                    Alberta Ferretti A/I 2018-2019
 
Una personalità forte ma ammaliante, mood della prossima calda stagione.
1
(Visited 598 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *