E’ il capo bad della moda per antonomasia, per donne che si professano ribelli d’animo e uomini duri dal cuore tenero. Ma siamo tutti catturati dal suo irresistibile fascino. Il chiodo attraversa gli anni e le stagioni per riproporsi prepotentemente come trend imprescindibile del fashion System.

Lo omaggiamo adesso più che mai, nel suo 90esimo anno di vita, perché proprio il 1928 è l’anno della sua nascita.

Inizialmente destinato all’uso esclusivamente militare(per via del morbido e caldo tessuto), è stato creato dai fratelli Irving e Jack Schott con il nome di Perfecto, sotto richiesta di un motociclista per proteggersi dal freddo e dalla pioggia. 

Ma solo qualche decennio dopo, anche grazie all’utilizzo da parte dei divi del cinema, il chiodo di pelle diventa un caso(e un capo) iconico. Proprio l’industria cinematografica di Hollywood ne ha conferito fama mondiale. A partire da “Il Selvaggio” di Marlon Brando(ambasciatore ante litteram) continuando con James Dean e da lì molti altri. 

Fino al 1978 però era un capo destinato solo all’uso maschile. Sempre il cinema ha fatto da apripista donandolo non solo ad Olivia Newton John in “Grease”, ma alle donne di tutto il mondo.

Negli anni successivi la popolarità del chiodo di pelle aumenta a dismisura, divenendo capo ufficiale di diversi movimenti subculturali nel corso dei decenni: rocker, metallari(ai quali si deve il vocabolo chiodo, col quale indicavano le borchie metalliche utilizzate come ornamento) e ancora il genere punk, la cui madrina Vivienne Westwood consacra alla moda il binomio leather-punk come tendenza indiscutibile del periodo. 

Negli anni ’80 viene adottato anche dalle icone della musica pop come Madonna o Michael Jackson e le vendite vanno alle stelle.

 

Nel decennio successivo si afferma come icona fashion senza tempo. Viene fotografato su Vogue e scelto da stilisti come Versace, Jean Paul Gaultier e Claude Montana. Contemporaneamente, il successo della pellicola cult “Cry baby” in cui cui Johnny Depp lo indossa da vero bad boy, conferma quanto il chiodo abbia un fascino irresistibile. 

 

Chic, genderless e ancora ribelle, non c’è capo più affascinante e facile da portare, anche perché oggi la moda ci presenta giacche in pelle per tutti i gusti. Partendo dalla definizione originale, il chiodo classico è un capo strutturato, con chiusura a zip doppio petto. Per gli abbinamenti il mix&match è d’obbligo(e di grande tendenza): aggiungere un tocco rock a qualunque outfit non può che essere una soluzione glamour, per esempio su una gonna a ruota bonton o su una gonna in tulle con slingback ai piedi.

Per un look casual basta abbinarlo al denim chiaro, T-shirt bianca e sneaker ai piedi. Per una serata fuori, può essere indossato su un abito a tubino, preferibilmente stampato.

E quale colore scegliere? ça va Sans dire: solo nero.

 

3
(Visited 107 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *